Ultimi post

SEGNALAZIONE

Nella sezione Video riportiamo l’intervista a P.L. Bencini,«Un pittore e una fotografa per le suore di Valserena» – ToscanaOggi, 16.5.2016

Un pittore e una fotografa per le suore di Valserena


toscanaogMedici di professione, artisti per passione ma soprattutto grati a Dio per gli incontri e per gli amici che ha messo loro sulla strada della vita. Pier Luca Bencini e Michela Galimberti, marito e moglie, hanno accettato di esporre le loro opere nei sotterranei della Basilica di San Lorenzo, a Firenze, e di devolvere il ricavato alla Fondazione Monasteri, il cui scopo è aiutare le suore di Valserena a consolidare la loro presenza già avviata in Angola e in Siria e a ripopolare il piccolo monastero di Susinana, presso Palazzuolo sul Senio. Per il pittore Bencini, che vive e opera con la moglie a Milano, la mostra dal titolo «La terra del desiderio» è stata anche l’occasione per un «ritorno a casa», in quanto fiorentino di nascita, mentre per Michela Galimberti ha rappresentato la prima occasione di esporre in pubblico le proprie foto, superando la propria riservatezza.

Facebooktwittergoogle_plus

SEGNALAZIONE

Articolo su P.L. Bencini e sua moglie da tracce.it. Ricordiamo che Bencini terrà l’incontro Conversazione sull’arte contemporanea: l’identità negata venerdì 13 maggio alle 21 presso l’Auditorium «Le radici» di Renate (MB)

traccepuntoitLuca, Michela e quel matrimonio tra arte e fede

Medici di professione, ma con una spiccata vena artistica. Lui dipinge, lei fotografa. E dall’amicizia con le suore trappiste di Valserena è nata una mostra: “La Terra del Desiderio”
La Terra del Desiderio
non è semplicemente una mostra di pittura e di fotografia allestita dal 7 al 21 maggio, al Salone Donatello della Basilica di San Lorenzo a Firenze. Sono quadri e foto di mani diverse, di caratteri differenti, di sensibilità distinte, eppure mani, caratteri e sensibilità legati da una vita. Pier Luca Bencini e Michela Galimberti sono, infatti, due medici ben noti a Milano, ma sono anche due artisti: lui pittore, lei fotografa. E sono marito e moglie. Fra le tante cose che condividono, anche una passione umana e spirituale con le suore trappiste del monastero di Valserena (Pisa). Incontrandole, anzi re-incontrandole, nel caso di Bencini, che ha trovato nel monastero una compagna di Gioventù Studentesca del Carducci anni 70, Francesca Righi, la mossa è stata di aiutare la loro opera, la Fondazione Monasteri, con cui queste trappiste a loro volta aiutano pezzi di mondo [].

 

Facebooktwittergoogle_plus

“VIVE COME L’ERBA…”

vivecomelerbaStorie di donne nel totalitarismo

presentazione del libro
partecipano:
MARINA CORRADI (Giornalista)
ANGELO BONAGURO (Fondazione Russia Cristiana, coautore)

Lunedì 7 marzo 2016 • ore 21
Auditorium «Le radici», via V. Emanuele, Renate (MB)

Questo libro raccoglie otto storie di donne vissute in anni e contesti diversi nel periodo dei regimi totalitari di tipo sovietico. A unirle è un senso profondo dell’umano, che ha ridestato in loro e intorno a loro il gusto della bellezza, dell’amicizia, il desiderio di vivere una vita autentica che non censuri la pietà, il dolore, il dovere, la responsabilità. Le donne di cui si parla nel libro hanno storie molto diverse: dalla moglie del grande scrittore sovietico ufficiale alla rivoluzionaria più o meno pentita, dalla traduttrice di testi di Chesterton e di Lewis per interesse personale che poi vengono diffusi nell’editoria clandestina, alla bizantinologa che dalla Leningrado assediata finisce esiliata nella provincia russa dove spiega l’arte ai teppistelli locali, alla professoressa di storia dell’arte che fa lezione nelle latrine del carcere…

-→ Volantino

 

Facebooktwittergoogle_plus